Passiti

//Passiti

Come dice il nome, il vino passito si ottiene da uve appassite, quando l’uva raggiunge le sue massime dimensioni ed il più alto tenore zuccherino e comincia la fase della sovramaturazione; gli acini perdono acqua, gli zuccheri si concentrano e l’acidità diminuisce.
È il processo di appassimento che dà origine alle uve che serviranno per la vinificazione dei vini passiti o da meditazione. Le tecniche produttive presentano varianti a seconda delle regioni.

In alcuni casi i grappoli sono fatti appassire sul ceppo, a volte dopo la torsione del peduncolo. Più spesso una volta vendemmiati, sono esposti al sole, oppure messi su graticci al riparo in locali ben aerati, o appesi al soffitto o disposti su stuoie, in casette, su tavoli cosparsi di paglia per consentire una costante aerazione degli acini.

Le uve rimangono ad appassire per diversi mesi; in alcune zone fino a novembre-dicembre, in altre fino a febbraio-marzo. In questo periodo avverrà un calo del 35-40% del peso originario delle uve. I grappoli, staccati dalla pianta, continuano per così dire, a vivere, il loro succo si concentra e si sviluppano sostanze aromatiche che non esistevano nell’uva fresca.

Le uve utilizzate sono generalmente quelle aromatiche, Aleatico, tutte le uve Moscato , tutte le Malvasia , il Traminer aromatico, inoltre, vi sono quelle provenienti da vitigni poco aromatici quali: Albana, Bosco, Corvina veronese, Erbaluce, Garganega, Greco, Nasco, Nosiola, Pinot grigio, Picolit, Vernaccia di Serrapetrona.

  • Giallo dorato, con luminosi riflessi ambrati. Al naso si caratterizza per un ampio ventaglio di profumi mielosi, di fiori bianchi appassiti e frutta secca. Al gusto, le note dolci e i rimandi d'arancia candita e marmellata di albicocche trovano il giusto contrappunto in una piacevole acidità che ripulisce il palato e affianca la lunga persistenza.
  • Ben Ryé 2016 ha un colore dorato con luminosi riflessi ambrati. Dal bouquet molto intenso in cui spiccano le note legate all’uva passa: albicocca e scorze d’arancia candita; presenta anche delicati sentori di macchia mediterranea. Al palato offre la sua proverbiale e straordinaria freschezza che bilancia la dolcezza. Al tipico gusto dello Zibibbo appassito, si aggiungono innumerevoli altre sensazioni fruttate, di erbe aromatiche e miele. La sua complessità è arricchita da note minerali e da una lunghissima persistenza.
  • Muffato della Sala 2014 si presenta di un colore giallo dorato vivace e brillante. Al naso è intenso e complesso, spiccano sentori agrumati uniti a delicate note di pesca, albicocca disidrata e zafferano. In bocca è avvolgente, dolce ma non troppo, leggermente iodato, con una lunghissima persistenza. È equilibrato pur nella sua giovinezza, un vino destinato ad evolversi nel tempo ed aumentare la sua complessità aromatica.
  • Colore ambrato luminoso con leggere sfumature che tendono al rosa antico, naso elegante piacevole con i suoi ricordi di profumi rosacei, di frutta candita e miele. Sentori lunghi e piacevoli, direi sensuali. In bocca ha grande acidità, piacevolezza e complessità. Avvolge bocca e palato con  eleganza e fragranza mai stucchevole, ritorni di rosa e uva matura, preciso e persistente.
  • Di colore ambrato con ancora note vivaci e dorate, dal profumo molto intenso, ampio, in cui spiccano vivaci note floreali, su tutte la rosa. richiami di vaniglia e caramello e note di frutti esotici maturi. Gusto: Morbido all'ingresso con una nota calda accompagnata da un'acidità piacevole. giustamente sapido con un finale gradevole con persistenza olfattiva che richiama la frutta matura ed esotica. Finale pulito, dove la morbidezza unita all'acidità non lo rendono stucchevole.
  • L'aroma viene composto da profumi di rose, fragole di bosco mature, mirtillo rosso ed un sentore spezziato di cannella. Il sapore è morbido con tannini soffici, una dolce pienezza in bocca e persistente nel finale. Questo passito si abbina perfettamente a dolci di frutta e tortine.
  • In offerta!
    Aromatico, intenso con sentori di frutta matura e uva passa, delicati profumi floreali e confettura di frutti a polpa bianca.
  • È il vino rosso dolce da dessert tradizionale della Valpolicella. Le antiche uve veronesi Corvina, Rondinella e Molinara, scelte in collina, nei mesi invernali riposano su graticci di bambù nei fruttai per l'Appassimento. Dai grappoli concentrati nasce un vino profumato e fruttato, rotondo e raffinato, con un mirabile equilibrio tra alcool, zucchero e struttura.
  • Alla vista colore oro antico. Al naso è intenso, molto fine , con lievi cenni di vaniglia, miele nocciola tostata. Al palato è secco e morbido, armonioso e persistente.
  • Tradizionale prodotto ottenuto dal nobile vino a cui si aggiungono infusi di china calissaia e altre spezie , alcol e zucchero.Il prodotto così ottenuto matura per oltre tre mesi in contenitori di acciaio inox e viene successivamente imbottigliato.Si presenta di un colore rosso mattone, tendente all’aranciato , il profumo è intenso e delicato, di barolo d’annata, si distinguono tra le spezie la china, la liquirizia, il cardamomo e il cacao.Al palato e’ morbido, pieno e corposo, con note floreali e finale semi-dolce.
  • Alla vista colore brillante e vivido color rosa corallo. Al naso suadente con note di frutta fresca estiva, fermi sentori di melone, albicocca, zenzero e confettura di fragola e lampone. Al palato la moderata gradazione alcolica da una percezione dolce molto ben governata dalla freschezza e dalle delicate note di frutta candita.
  • Con l’attributo di „Passito“ s’intendono quei vini ottenuti da uve lasciate seccare all’aria o al sole, fin quasi all’appassimento. In Alto Adige ciò avviene quasi sempre in vigna, cioè i grappoli rimangono sulla pianta fino alla fine dell’anno. L’elegante Passito Comtess entusiasma per il suo frutto intenso, il corpo morbido e cremoso, l’ingresso ampio e il palato ravvivato da una nota di freschezza donata da un’acidità di razza. I freschi aromi giovanili, a fronte di una corretta conservazione in bottiglia, diventano via via più complessi tendendo in particolare verso delicate note mielate.
  • Alla vista si presenta con un colore giallo oro tenue, brillante, con lievi riflessi ambrati, ha un profumo fresco ed intenso, con caratteristici sentori di fiori d'arancio e miele di zagara. È un vino ampio con sapore di moscato, ricco, con zuccheri residui netti ma dal retrogusto asciutto.
  • Prodotto da eccezionali uve Sémillon un Sauternes di grande complessità aromatica. Il suo bouquet evoca frutta candita e fiori bianchi. Questo Sauternes è un riflesso del terreno minerale eccezionale di Haut-Barsac. Colore oro pallido gusto fine, rotondo e ben bilanciato. Con una componente alcolica di 13,50% Vol.
  • COLORE:Giallo oro tendente all’ambrato PROFUMO: profumi ricordano i fiori gialli, le confetture di frutta e i canditi. Molto intense le note di mela cotogna, mandorla tostata, pesca, miele, albicocca e fichi secchi. SAPORE:intenso, complesso, dolce, armonico, vellutato, aromatico.
  • Aroma: la dolcezza si avverte già al naso con la marmellata di more e fragole avvolta dalla vaniglia e dalla cannella Gusto: entra dolce e caldo, morbido e intenso, il tannino fa il suo dovere bilanciando lo zucchero e lasciando la bocca pronta a un nuovo assaggio Abbinamenti: dolci e biscotti della tradizione umbra, come i "tozzetti", crostate, cioccolato fondente, formaggi cremosi e stagionati. Servire a 16-18 °C
  • Si presenta alla vista di un ambra profondo, carico di sfumature aranciate, la cui densità fa presagire intensità e ricchezza di sensazioni. Al naso, infatti, note eteree e fragranti, con aromi di legno e miele, rivelano un carattere complesso e austero, confermato dalle sensazioni decise e pulite, alcoliche e fresche al tempo stesso, avvertite al palato. Emozionante nella sua persistenza aromatica.
  • Al naso si presenta con sensazioni che ricordano la frutta esotica, al gusto risulta pieno, cremoso. Ottenuto dalla varietà Roscetto, è un vino avvolgente ed armonico che nel finale chiude con sensazioni tipiche del miele.